Uno studente laureato di 29 anni della provincia cinese di Jianshu è stato arrestato il 30 dicembre 2019 per aver venduto un servizio VPN che ha permesso ai locali di accedere a Internet globale.

Indirizzando il traffico intorno al cosiddetto "Great Firewall" della Cina, una VPN consente agli utenti di connettersi a siti Web bloccati stranieri come Facebook, Twitter e Google.

La Cina gestisce una sostanziale infrastruttura di censura che è in grado di bloccare la maggior parte delle VPN, il che significa che far funzionare una VPN in modo coerente in Cina è qualcosa che pochi provider VPN sono in grado di raggiungere.

L'uomo, noto dallo pseudonimo di Gao, affermava che i suoi clienti non stavano usando il software VPN illegalmente.

Anche se non è stato condannato, Gao ha confessato il reato e rischia di rischiare sia il tempo di prigione che le multe monetarie, avendo guadagnato oltre 11 milioni di yuan dal 2016 (~ $ 1,6 milioni).

Questa non è la prima volta che la Cina arresta i suoi cittadini per la distribuzione di software VPN.

Ci sono diversi rapporti di tali arresti dal solo 2019: a maggio un uomo di nome Huang è stato incarcerato per aver venduto l'accesso a una breve app video con funzionalità "oltre il muro". È stato accusato di "fornire intrusioni e controllare illegalmente programmi e strumenti di sistema informatico".

Il 23 dicembre la polizia ha arrestato un altro uomo, di nome Li, per il suo coinvolgimento in una società VPN commerciale senza licenza. Li ha svolto principalmente assistenza clienti e marketing, ma è stato comunque ritenuto criminalmente responsabile dell'operazione illegale della società.

Il proprietario della compagnia, di nome Gong, è stato arrestato all'inizio di dicembre, ma Li è riuscito a evitare le autorità per un certo periodo di tempo. Alla fine fu catturato "agendo con sospetto" nella stazione ferroviaria di Dongguan.

Entro il 2015, il Partito comunista cinese (PCC) aveva arrestato oltre 150.000 persone per "crimini su Internet" - una categoria che comprende molto di più che cercare di aggirare la censura - ma non è ancora iniziata una repressione delle VPN.

Fu solo nel 2017 che gli arresti per la distribuzione di VPN divennero prevalenti, dopo che il PCC annunciò un divieto su tutte le VPN commerciali che non avevano ricevuto l'autorizzazione dal governo.

Il Ministero dell'Industria e dell'Information Technology ha rilasciato una dichiarazione nel gennaio 2017, annunciando la sua intenzione di ripulire e regolamentare il mercato dei servizi di accesso alla rete Internet.

Nella dichiarazione, il dipartimento governativo si è lamentato dello "sviluppo disordinato" delle industrie dell'informatica e del cloud computing.

In primo luogo, la lettera si concentrava sul miglioramento dell'efficienza della rete e sulla chiusura del campo delle "attività illegali".

L'uso transfrontaliero è indirizzato in modo specifico e le VPN sono denominate come un uso improprio delle reti transfrontaliere, che devono essere utilizzate esclusivamente per gli scopi per i quali sono autorizzate.

Le dimensioni della repressione della Cina sono aumentate da allora - con Apple che ha rimosso tutte le app VPN dal suo app store in Cina e la maggior parte dei servizi VPN senza una speciale tecnologia di offuscamento (così come molte con protocolli di offuscamento) sono state bloccate con successo.

Nel dicembre 2017 l'arresto di un uomo per aver venduto una VPN nella Cina meridionale ha ricevuto una significativa copertura internazionale.

Wu Xiangyang aveva gestito un servizio VPN dalla Cina meridionale dal 2013 a giugno 2017, guadagnando circa 500.000 yuan (~ $ 70.000) in profitti illegali durante quel periodo.

Wu è stato multato di 500.000 yuan - il valore totale dei suoi guadagni "illegali" - e condannato a cinque anni e mezzo di prigione.

Con i profitti di Gao significativamente più grandi di quelli di Wu, è probabile che dovrà affrontare multe enormi e potenzialmente un periodo di prigione ancora più lungo.

Esiste almeno un altro caso di detenzione a un operatore VPN nel 2017: Deng Jiewei è stato condannato a nove mesi di carcere a settembre 2017 per aver gestito due servizi VPN da ottobre 2015.

Nell'ottobre 2018 un altro uomo è stato condannato a una pena detentiva di tre anni e multato di 10.000 yuan.

Tutte queste condanne hanno avuto luogo in base alla stessa legge, che vieta "di fornire intrusioni e controllare illegalmente programmi e strumenti del sistema di informazioni informatiche".

Il PCC si è generalmente concentrato su coloro che distribuiscono VPN, piuttosto che su quelli che li utilizzano, ma a gennaio 2019 a un uomo è stata multata l'equivalente di $ 145 per l'accesso a siti Web stranieri bloccati.

Zhu Yunfeng è stato sorpreso ad accedere a siti Web come Google e Twitter utilizzando Lantern, un'applicazione VPN.

Yunfeng è stato accusato ai sensi della legge sulla sicurezza pubblica del 1997, che è rimasta in gran parte defunta fino a quando non è stata prorogata nel 2017. Mentre non ha dovuto affrontare il carcere o una multa significativa, il caso di Zhu suggerisce una crescente attenzione sia per gli utenti che per gli operatori di VPN in Cina.

Le VPN approvate dal governo sono legali in Cina, ma non funzionano in modo affidabile come le altre VPN e aumentano in modo significativo il rischio di sorveglianza del governo - che è spesso il motivo per cui gli utenti passano a una VPN in primo luogo.

Brayan Jackson
Brayan Jackson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me