In paesi come Stati Uniti e Regno Unito, le reti private virtuali (VPN) sono gli strumenti di esperti di sicurezza informatica, attivisti, informatori, giornalisti investigativi e utenti attenti alla privacy.

Ma per molti in Cina, le VPN fanno parte della vita di tutti i giorni. Milioni di utenti dipendono ogni giorno da loro per eludere il blocco imposto dal governo su Facebook, YouTube, Twitter, Gmail, Ricerca Google e centinaia di altri servizi e pubblicazioni online popolari come il New York Times.

Tuttavia, quei giorni potrebbero presto finire. Secondo le autorità cinesi, entro la fine di marzo 2018, il governo chiuderà o vieterà tutti i servizi VPN che non ha autorizzato, il che significa che tutti i servizi in cui non ha visibilità.

Sebbene questo non sia il primo blocco sui servizi VPN da parte del governo cinese, è di gran lunga il più grave e solleva nuove preoccupazioni per la privacy dei cittadini del paese.

Il rigoroso regime di censura della Cina

Famosamente noto come Great Firewall, un riferimento alla struttura storica costruita per proteggere i confini del paese, la censura e la sorveglianza di Internet in Cina sono iniziate nel 2000 e alla fine si sono sviluppate per diventare il sistema di censura più sofisticato e completo al mondo.

Il governo cinese controlla da vicino e monitora l'accesso dei suoi cittadini al mare infinito di informazioni disponibili su Internet attraverso una stretta cooperazione con le più grandi società tecnologiche e di telecomunicazioni del paese.

La Cina non è l'unico paese a stabilire blocchi e restrizioni su Internet, ma è di gran lunga il più capace.

La Cina è il censore e lo snoop Internet più potenti ed efficaci al mondo

Parte di ciò è perché ospita grandi aziende tecnologiche come Baidu, Alibaba e Tencent. Queste società forniscono servizi alternativi per sostituire quelli forniti da aziende come Google e Facebook. Ma ciò che li rende diversi è la loro volontà di condividere apertamente i dati dei propri utenti con il governo.

In risposta al divieto del governo, gli utenti cinesi si sono riversati sui servizi VPN, che aiutano a eludere i censori e i monitor del governo crittografando il traffico Internet e canalizzandolo attraverso server intermedi.

Il blocco sui servizi VPN

La Cina ha periodicamente rafforzato le sue misure di censura durante eventi e situazioni politicamente sensibili.

Ad esempio, lo scorso luglio, dopo la morte del dissidente e vincitore del Premio Nobel per la pace Liu Xiabao, il governo cinese ha intrapreso sforzi diffusi per censurare le notizie della sua morte e per eliminare post sui social media cinesi che simpatizzavano con Xiabao e sostenevano il suo attivismo.

Più tardi a ottobre, in vista della riunione del Partito Comunista, la Cina iniziò a bloccare WhatsApp, uno dei pochi servizi di messaggistica stranieri disponibili nel paese.

Mentre la Cina ha ufficialmente vietato l'uso delle VPN, ha, in una certa misura, consentito ai provider VPN di operare sul suo territorio in parte perché non può chiudere completamente le sue attività e istituzioni dall'esterno.

Le persone e le aziende autorizzate possono ottenere l'accesso a Internet globale attraverso servizi di telecomunicazione statali come China Mobile e China Unicom.

Tuttavia, tali fornitori condividono i propri dati con il governo cinese e forniranno l'accesso solo a entità che hanno ottenuto l'autorizzazione dal governo.

Ecco perché molti utenti utilizzano servizi VPN senza licenza che non sono controllati dal governo.

La Cina ha a lungo chiuso gli occhi sull'uso non ufficiale della VPN, ma ora consente solo l'accesso ai servizi gestiti dallo stato e monitorati

Come altri servizi Internet, l'accesso alle VPN è oscillato nel tempo. L'anno scorso, un rapporto di Bloomberg ha rivelato che le autorità cinesi avevano ordinato alle società statali di telecomunicazioni di bloccare completamente i propri clienti dall'uso di servizi VPN senza licenza entro febbraio 2018.

Più o meno nello stesso periodo, diversi servizi VPN dichiararono ai loro clienti che avrebbero interrotto i loro servizi e, poco dopo, la Cina ordinò ad Apple di rimuovere le app VPN dalla versione cinese del suo App Store. Apple, che aveva resistito a un ordine dell'FBI per aiutare a eludere i blocchi di sicurezza degli iPhone, ha ceduto alle richieste della Cina.

A dicembre, un uomo nella Cina meridionale è stato multato di 500.000 yuan e condannato a cinque anni e mezzo di prigione per aver gestito un servizio VPN senza licenza.

Il gioco cinese di gatto e topo con servizi VPN

Oltre a un esercito di specialisti che lavorano per interrompere l'uso delle VPN, il governo cinese ha anche la cooperazione di fornitori di servizi Internet (ISP) come China Mobile, China Unicom e China Telecom.

Il governo cinese utilizza diversi metodi per rilevare il traffico VPN. Il primo riguarda l'identificazione degli indirizzi IP (Internet Protocol) dei server dei servizi VPN e il blocco di tutto il traffico in entrata e in uscita.

Questo metodo è efficace contro le VPN che funzionano su un set limitato di indirizzi IP. Diversi servizi VPN stanno noleggiando server extra su Amazon Web Services e altri provider di cloud pubblici per aggirare i blocchi.

Un secondo metodo per bloccare i servizi VPN è l'analisi del traffico Internet. A quanto pare, il traffico VPN si distingue come una torcia nell'oscurità.

Qualsiasi computer che sta scambiando un flusso costante di dati crittografati con un singolo indirizzo IP è sospettato di utilizzare un servizio VPN. Gli ISP si trovano in una posizione favorevole per rilevare e bloccare il traffico VPN poiché sono i gatekeeper su Internet.

I servizi VPN come VyprVPN, ExpressVPN e NordVPN, che rimangono accessibili - per ora - in Cina, stanno lavorando a nuove tecniche per rendere le attività dei loro utenti simili al traffico consentito.

Ciò include il noleggio di indirizzi IP utilizzati anche per servizi approvati dal governo o la miscelazione del traffico VPN con traffico fittizio verso servizi non bloccati.

Le alternative alla manciata di VPN straniere che superano ancora in astuzia i censori sono tutt'altro che opzioni amichevoli per il consumatore

Gli utenti esperti di tecnologia stanno prendendo in mano la situazione e configurando i propri server VPN personali nel cloud. Trovare VPN personali è molto più difficile per il governo, ma anche il processo di configurazione è più difficile e molto più costoso.

Un'altra soluzione popolare contro la censura del governo Tor, una rete di computer volontari che crittografano e fanno circolare il traffico Internet per aggirare la sorveglianza e la censura.

Il traffico tor è generalmente bloccato in Cina, ma esistono soluzioni relativamente complicate come il reindirizzamento del traffico attraverso il cloud Amazon o Microsoft Azure.

Un altro metodo è il tunneling SSH, una tecnica che crea un canale di comunicazione crittografato ad hoc tra due computer remoti e canali tutto il traffico Internet attraverso di esso.

Qual è la prospettiva per la Cina?

I provider VPN sono costantemente alla ricerca di nuovi metodi per aiutare a eludere la censura. Ma contrastare il blocco del governo cinese sulle VPN sta diventando sempre più difficile e costoso.

Sebbene Pechino sappia che tagliare completamente internet gli consentirà di bloccare completamente il traffico VPN, ma sa che se aumentano abbastanza i costi e le barriere, la maggior parte degli utenti rinuncia a usare i servizi VPN e solo pochi marginali che sono testardi e abbastanza esperto continuerà a aggirare la sua censura.

La crescente guerra della Cina contro i servizi VPN si svolge sullo sfondo di un programma di "cyber sovranità" del presidente Xi Jinping, una campagna che segue una tendenza di controlli più severi sul discorso online e sulla società civile.

Il blocco dei servizi VPN consentirà inoltre a Pechino di perseguire il suo ambizioso e inquietante programma del Sistema di credito sociale (SCS).

Il divieto VPN è una parte fondamentale del sistema di credito sociale inquietante e inquietante

Previsto per essere lanciato nel 2020, SCS, che è stato sviluppato in collaborazione con le più grandi aziende tecnologiche del paese, valuterà ogni cittadino in base a tutte le sue attività online, compresi i siti Web che visitano, le loro interazioni su piattaforme di social media, le loro abitudini di acquisto , le loro conversazioni e corrispondenze private e altro ancora.

Le valutazioni determineranno cose come se un cittadino è idoneo per un prestito, lavori governativi e viaggiare all'estero. Il programma dipenderà dalle autorità cinesi che hanno piena visibilità delle attività online dei cittadini del paese, in particolare di quelli che cercano di nascondere al governo.

Ciò rende il divieto VPN un elemento cruciale di SCS.

Le conseguenze della repressione della Cina sui servizi VPN saranno particolarmente disastrose per attivisti e dissidenti, che si troveranno con mezzi sempre più limitati per accedere alle informazioni ed esprimere i loro pensieri e opinioni.

Ma gli effetti si estenderanno anche ai cittadini medi che hanno utilizzato VPN per scopi apolitici, come l'accesso a Netflix e YouTube.

Senza la protezione della VPN e con l'ombra della sorveglianza del governo e l'incombente programma di valutazione dei cittadini, gli utenti cinesi saranno spinti verso l'autocensura, temendo che qualsiasi cosa faccia influenzerà negativamente il loro accesso ai servizi sociali e governativi.

Ciò può riguardare le persone che hanno parenti in paesi stranieri o le cui attività dipendono dalle comunicazioni con organizzazioni e aziende straniere.

Con tutto ciò che viene canalizzato esclusivamente attraverso il governo cinese, gli utenti potrebbero rinunciare a molte delle loro attività per motivi di privacy o paura di future reazioni del governo.

In che modo ciò influirà sull'accesso alla VPN in altre parti del mondo?

Gli analisti temono che la battaglia della Cina sul servizio VPN costituirà un pericoloso precedente in tutto il mondo.

Ad essere onesti, pochi paesi hanno le risorse e le condizioni della Cina per combattere le VPN.

Ad esempio, i governi degli Stati Uniti e del Regno Unito hanno entrambi programmi di sorveglianza completi, ma la costituzione impedisce loro di adottare misure come quelle del governo cinese.

Tuttavia, la guerra di logoramento di Pechino su VPN e tecnologie che nascondono il traffico Internet potrebbe dare a questi e ad altri stati idee per i propri programmi di sorveglianza e censura.

La Russia, che sta anche implementando una propria serie di restrizioni su VPN e servizi proxy, esaminerà come si svolge il divieto cinese.

La comunità per la privacy e la libertà digitale non siederà pigramente.

Sostenitori ed esperti della privacy e organizzazioni come la Electronic Frontier Foundation seguiranno da vicino la situazione e svilupperanno strumenti e guide per aiutare i cittadini cinesi a mantenere il loro libero accesso a Internet.

Mentre questa battaglia viene combattuta in Cina, l'impatto e il risultato potrebbero influenzare molti più netizen in tutto il mondo.

Foto di Diego Jimenez su Unsplash

Brayan Jackson
Brayan Jackson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me