In questa guida, esaminiamo 10 paesi in cui le VPN sono illegali o soggette a restrizioni, nonché 17 altri paesi con leggi che incidono in modo significativo sulle libertà digitali degli utenti.

illustrazione di una mappa del mondo.

NOTA BENE: Sebbene questa guida sia stata accuratamente studiata, non siamo professionisti legali e non possiamo garantire che queste informazioni siano accurate. Se desideri chiarire la legalità della VPN o le leggi specifiche di qualsiasi paese, chiedi una consulenza legale professionale.

Le VPN sono legali?

Le reti private virtuali (VPN) sono legali da usare quasi ovunque nel mondo. Oltre a proteggere gli utenti dalla sorveglianza del governo, aiutano a eludere la censura, bypassare le restrizioni geografiche e rimanere al sicuro sulle reti WiFi pubbliche.

La legalità dell'uso di una VPN dipenderà dal paese in cui ti trovi fisicamente.

Anche in questo caso, le leggi e le restrizioni relative all'attività online possono essere spesso vaghe o fuorvianti.

In questa guida, copriamo i 27 paesi più soggetti a restrizioni digitali e le loro leggi in materia di utilizzo, censura e sorveglianza delle VPN.

Abbiamo esaminato le leggi e le restrizioni sulle VPN in tutto il mondo e abbiamo scoperto che le VPN sono legali in tutto il mondo tranne che in 10 paesi più complicati.

Se il tuo paese non è menzionato di seguito, le VPN sono perfettamente legali lì.

Abbiamo anche trovato leggi che limitano significativamente le libertà digitali 17 altri paesi.

Questi paesi sono mostrati di seguito nelle nostre tabelle sulle restrizioni VPN e diritti digitali, con il nome di ciascun paese collegato ad un'analisi più approfondita di leggi ed eventi specifici relativi ai diritti digitali.

Oltre a leggere questa guida, è anche ragionevole acquisire familiarità con le leggi locali del proprio Paese e le alleanze Five-Eyes, Nine-Eyes e 14-Eyes.

Questi sono accordi internazionali di condivisione dei dati che vedono le nazioni più potenti del mondo trasferire i tuoi dati personali e l'attività online tra di loro, aiutando persino nel perseguire gli utenti di Internet oltre i confini.

Se ti trovi nel Regno Unito, negli Stati Uniti, in Australia, in Canada o in Nuova Zelanda, le VPN sono perfettamente legali.

Detto questo, questi paesi hanno spesso leggi di sorveglianza intrusive e di conservazione dei dati che potrebbero valere la pena considerare. Puoi saperne di più su questo nella nostra guida alle giurisdizioni VPN.

Indipendentemente dalla tua posizione, l'utilizzo di una VPN per scopi illegali è illegale ovunque, anche se ciò che è considerato illegale in un paese può essere legale in un altro.

Dove sono le VPN illegali o limitate?

Mappa che mostra dove le VPN sono illegali o limitate

I 10 paesi più limitati

Nazione
Stato VPN
Blocchi di social media
Censura
Sorveglianza
Bielorussia Illegale Moderare esteso esteso
Cina Limitato esteso esteso esteso
Mi sono imbattuto Limitato Moderare esteso esteso
Iraq Illegale Moderare Moderare Minore
Corea del nord Illegale esteso esteso esteso
Oman Limitato Minore esteso Moderare
Russia Limitato Moderare esteso Moderare
tacchino Limitato Moderare esteso esteso
Turkmenistan Illegale esteso esteso esteso
Emirati Arabi Uniti Limitato Moderare esteso Moderare

Una tabella che riassume la legalità della VPN e le violazioni dei diritti digitali nei 10 paesi più soggetti a restrizioni

Chiave: I paesi in queste tabelle sono etichettati di conseguenza per ogni categoria, con "esteso" che è il più forte, seguito da "moderato" e "minore".

Ad esempio, un paese etichettato come "esteso" nella colonna della censura ha un gran numero di leggi e pratiche correlate in atto, mentre un paese etichettato "moderato" ne avrà solo alcuni. Un Paese etichettato "minore" avrà un numero basso, ma comunque sufficiente per influire negativamente sui diritti degli utenti.

1Belarus

Le VPN sono illegali in Bielorussia.

La Bielorussia ha bloccato le VPN poiché le vede come un metodo per minare la legge. Tor, che consente comunicazioni anonime e accesso al Dark Web, è stato bloccato anche in Bielorussia dal 2016.

Nel febbraio 2015, il ministero delle comunicazioni del paese ha decretato specificamente contro i servizi anonimi come le VPN. Tuttavia, non è chiaro quanta capacità il governo abbia di contenere il mercato VPN in espansione.

Vi è una sanzione non specificata per chiunque venga catturato utilizzando una VPN in Bielorussia.

Leggi correlate & pratiche:

  • La legge del 2007 sul regolamento sul funzionamento dei club di computer e degli Internet caffè significa che per conformarsi ai servizi di sicurezza, i proprietari di internet caffè in Bielorussia devono tenere un registro delle identità dei loro clienti e della loro cronologia delle ricerche sul web.
  • La Legge sui mass media del 2009 blocca tutti i siti nazionali e internazionali che non riescono a registrarsi presso il Ministero dell'Informazione della Bielorussia.
  • Nel 2012 il governo ha introdotto una legge che limita l'accesso ai siti Web stranieri. Coloro che accedono ai siti bloccati in Bielorussia rischiano una potenziale multa di $ 120. Potrebbe non sembrare estremo, ma per molti bielorussi $ 120 è un salario di quasi mezzo anno.

La stessa legge impone a tutti i fornitori di servizi Internet in Bielorussia di registrare gli utenti e censurare i siti nella lista nera nazionale, che include siti con contenuti pornografici ed "estremisti".

  • Tuttavia, funzionari in Bielorussia stanno spesso bloccando altri siti, come agenzie di stampa indipendenti come Nasha Niva.
  • Gli emendamenti alla legge sui mass media del 2018 hanno conferito al ministero dell'Informazione in Bielorussia il controllo completo su tutte le risorse online e hanno incaricato tutti i proprietari di contenuti di verificarne la diffamazione o informazioni false.
  • Le modifiche alla legge sui mass media vietano inoltre agli utenti di contribuire ai media stranieri senza uno speciale accreditamento da parte del ministero degli Affari esteri bielorusso.

Torna alla tabella più riservata

2China

Una donna depone fiori sul cartello per gli uffici di Google in Cina

Cina, 2010. Google chiude il suo sito nel paese a seguito di controversie sulla censura con il governo. Credito: Wenn Rights / Alamy

Solo le VPN approvate dal governo sono legali in Cina.

I fornitori di VPN devono ottenere l'approvazione rigorosa dal Partito Comunista Cinese prima di poter operare nel Paese. Ciò comporta spesso l'accettazione di condizioni che minano lo scopo di una VPN, come la registrazione, rendendola inutile quando si tratta di privacy.

L'uso di una VPN "senza autorizzazione" in Cina può comportare multe fino a 15.000 yuan (circa $ 2.200).

Molte persone desiderano ancora utilizzare le VPN in Cina nonostante questo. Se questo è il tuo caso, ti consigliamo di visitare la nostra guida alla migliore VPN per la Cina .

Leggi correlate & pratiche:

  • Secondo Freedom House, gli emendamenti del codice penale del 2015 hanno introdotto un periodo di detenzione fino a sette anni per coloro che sono stati giudicati colpevoli di diffondere "disinformazione" sui social media. Non è chiaro ciò che conta come "disinformazione", il che significa che le autorità possono giustificare arresti ingiusti.
  • La legge antiterrorismo del 2015 proibisce agli utenti cinesi di diffondere informazioni o immagini su atti terroristici tramite i social media. Afferma che i dipendenti dell'azienda devono eliminare i contenuti terroristici al fine di evitare la detenzione e mette sotto pressione le società private affinché consegnino i dati degli utenti alle autorità cinesi.
  • La legge sulla cibersicurezza del 2017 rafforza l'obbligo delle società Internet di assicurarsi che gli utenti siano registrati con il loro vero nome e che i dati degli utenti siano archiviati all'interno del paese.
  • La legge sulla cibersicurezza impone alle compagnie Internet cinesi di assistere le autorità nelle indagini o rischiare di perdere la licenza.
  • La legge sulla sicurezza informatica ha anche confermato il ruolo dell'Amministrazione del Cyberspace della Cina (CAC) come responsabile dell'applicazione delle leggi relative alle telecomunicazioni e all'attività online.
  • La Cyberspace Administration of China (CAC) è responsabile del monitoraggio dei contenuti e del comportamento online e introduce continuamente nuove leggi che influenzano l'attività online degli utenti.

Nel 2017, il CAC ha introdotto 176 nuove regole relative al comportamento online in Cina.

  • Qualsiasi attività online considerata contraria all'interesse del PCC sarà probabilmente illegale in Cina. Le linee guida sulla censura stabilite dal PCC cinese sono altamente riservate, mentre il codice penale viene spesso utilizzato per giustificare l'invio di persone in prigione.
  • La Cina è ampiamente considerata il leader nella tecnologia di sorveglianza e censura e molti sono preoccupati per l'esportazione di questa tecnologia in altri paesi.

Torna alla tabella più riservata

3Iran

Solo quelle VPN sanzionate dallo stato sono legali in Iran.

L'Iran ha bloccato le VPN non autorizzate dal 2013, mentre le VPN sanzionate sono pesantemente monitorate. La pena per l'utilizzo di una VPN non sanzionata in Iran è fino a un anno di reclusione.

Leggi correlate & pratiche:

  • La legge sui crimini informatici del 2009 punisce gli utenti per spionaggio, pirateria informatica, pirateria e phishing e criminalizza la diffusione di "contenuti osceni" in Iran.
  • Le politiche e le azioni del 2017 relative all'organizzazione delle applicazioni di messaggistica sui social media affermano che le app di messaggistica straniera devono spostare i loro data center all'interno dell'Iran e aderire alla legge nazionale.
  • Freedom House ha riferito nel 2017 che decine di migliaia di siti sono attualmente bloccati dalle autorità iraniane, lasciando ai cittadini altra scelta che utilizzare strumenti come una VPN per accedere ai contenuti bloccati.

Tra i siti soggetti a restrizioni in Iran vi sono quelli appartenenti a gruppi per i diritti umani, agenzie di stampa straniere e gruppi di opposizione politica.

  • I siti nazionali e stranieri hanno persino un prezzo diverso per incoraggiare gli utenti ad accedere solo a contenuti locali sanzionati dallo stato. Coloro che accedono a siti approvati in Iran ricevono uno sconto del 50%.
  • Le autorità stanno ora aumentando il proprio coinvolgimento con strumenti di elusione della censura come MTProto, che utilizza l'infrastruttura tecnica del Ministero dell'Iran delle tecnologie di comunicazione delle informazioni.
  • A causa del coinvolgimento del governo con questi strumenti di elusione della censura, gli utenti non hanno ora modo di sapere se i dati inviati tramite queste app sono sicuri o vengono visualizzati e archiviati dal governo iraniano.
  • L'8 ottobre 2019 l'Iran ha bloccato le società Internet nazionali dall'hosting di siti Web vietati. Ciò significa che i siti Web vietati devono passare a società di hosting straniere per rimanere accessibili.

Torna alla tabella più riservata

4Iraq

Le VPN sono illegali in Iraq.

Le VPN sono state bandite in Iraq dal 2014. Il governo afferma che questo divieto è quello di impedire alle organizzazioni terroristiche, principalmente ISIS, di influenzare il pubblico attraverso i social media.

L'ISIS non opera più in Iraq, ma rimangono le dure leggi sulla censura del paese.

Anche i funzionari governativi in ​​Iraq usano le VPN, sebbene "nessuna eccezione" sia la regola ufficiale.

Leggi correlate & pratiche:

  • La legge del 2019 sui crimini informatici [bozza] punisce i critici del governo online in Iraq con pene detentive severe come l'ergastolo.
  • Amnesty International ha criticato la formulazione ampia di queste nuove leggi.

    La legge proibisce gli atti che minano l '"indipendenza, la pace e gli interessi politici, di sicurezza militare ed economici" dell'Iraq, che potrebbero facilmente comprendere qualsiasi forma di espressione online che le autorità non concordano.

  • Mentre l'Iraq ha poche leggi che fanno riferimento direttamente alla censura, il paese spesso esegue chiusure di Internet. Uno dei motivi comunemente citati dal governo per evitare che gli studenti imbrogliano durante la stagione degli esami, anche se questo sembra improbabile.
  • Nel 2018, Amnesty International ha riferito che le autorità stavano chiudendo Internet in Iraq per impedire la condivisione di video o immagini che mostravano la violenza dello stato contro i manifestanti sui social media.
  • I social media in Iraq hanno dovuto affrontare frequenti blocchi, come nel 2014, e più recentemente durante le proteste antigovernative del 2 ottobre 2019.
  • A partire dal 3 ottobre 2019, le autorità irachene hanno implementato una chiusura completa di Internet che sta colpendo il 75% della popolazione del paese. Questo è il risultato delle proteste antigovernative.

Torna alla tabella più riservata

5 Corea del Nord

Le VPN sono illegali in Corea del Nord.

Nessun media straniero è autorizzato nella Corea del Nord, quindi non sorprende che le VPN siano illegali. La penalità per l'uso della VPN non è nota in quanto la Corea del Nord è così riservata.

Anche Internet del Paese è fortemente censurata, a cui è vietato l'uso da parte di diplomatici stranieri.

Torna alla tabella più riservata

6Oman

Solo le VPN consentite dal Sultanato sono legali in Oman.

Dal 2010, Oman ha vietato tutte le VPN tranne quelle consentite dal Sultanato. Queste eccezioni si applicano solo all'uso aziendale in Oman - inoltre, devono essere richieste e i registri vengono conservati.

L'uso della VPN personale è illegale in Oman per prevenire gli sforzi per aggirare la censura. Il tentativo di eludere queste leggi è punibile con una multa di $ 1.300.

Leggi correlate & pratiche:

  • La legge sulle telecomunicazioni del 2002 proibisce il monitoraggio delle telecomunicazioni in Oman, a meno che non vi sia stata una violazione dell '"ordine pubblico o morale o violazioni dei diritti di altri".
  • La formulazione degli Atti di telecomunicazione è ampia, il che significa che potrebbe essere utilizzata per giustificare arresti ingiusti da parte delle autorità.
  • Questa stessa legge ha istituito l'autorità di regolamentazione delle telecomunicazioni in Oman. Il TRA si impegna a "regolamentare e mantenere i servizi di telecomunicazione" dell'Oman e far rispettare la legge sulle telecomunicazioni.
  • La critica di Sultan Qaboos è severamente vietata in Oman, impedendo lo sviluppo di media realmente indipendenti.

I media che non sono gestiti dallo stato sono noti per accettare denaro dal governo dell'Oman e praticare l'autocensura.

  • Se i punti vendita non si autocensurano, rischiano di essere bloccati, chiusi o revocati dalle loro autorità, mentre i giornalisti possono essere accusati.

Torna alla tabella più riservata

7Russia

Un manifestante marcia contro la crescente censura di Internet, con un cartello che dice: non spegnerai Internet.

Mosca, Russia. 10 marzo 2019. Un manifestante marcia contro la crescente censura di Internet, con un cartello che dice "non spegnerai Internet". Credito: Elena Rostunova

Solo le VPN approvate dal governo sono legali in Russia.

Questo divieto di VPN non approvate in Russia dovrebbe impedire l'accesso a "contenuti illegali". Gli ISP russi applicano il divieto VPN, bloccando i siti Web che offrono i loro servizi.

La punizione per l'utilizzo di una VPN non approvata in Russia è di 300.000 RUB ($ 5.100) per l'utente e 700.000 RUB ($ 12.000) per il fornitore di servizi.

Se viaggi in Russia e devi utilizzare una VPN, ti consigliamo di visitare la nostra guida alla migliore VPN per la Russia.

Leggi correlate & pratiche:

  • Gli emendamenti del 2016 alla legge di Yarovaya hanno introdotto pene detentive severe fino a sette anni per aver appoggiato o sostenuto il "terrorismo" online. L'ampia formulazione lascia la legge aperta all'uso improprio da parte di funzionari russi che possono determinare ciò che conta come "terrorismo".
  • Secondo la Legge Yarovaya, incitare le chiamate all'estremismo online può farti finire in prigione per un massimo di cinque anni, mentre l'incitamento all'odio può farti arrivare fino a 6 anni.

    In Russia, l '"estremismo" comprende l'umiliazione della dignità nazionale, la propaganda dell'eccezionalità e la giustificazione pubblica del terrorismo. Questi termini sono ampi e aperti all'uso improprio da parte delle autorità russe.

  • La legge sulle notizie false del 2019 è stata approvata a marzo e vieta la pubblicazione di "notizie false" online da media digitali e altri siti Web. I colpevoli possono essere multati fino a 400.000 rubli ($ 6.000).
  • Roskomnadzor (il cane da guardia delle telecomunicazioni della Russia) invia richieste di rimozione a coloro che sono stati catturati pubblicando false notizie online. Questi devono essere rispettati da "istantaneamente", di solito entro 24 ore.
  • La legge sugli insulti su Internet del 2019 vieta l'insulto a Putin e le autorità russe, nonché la pubblicazione di contenuti online che mostrano "mancanza di rispetto per la società, lo stato e gli organi governativi della Federazione Russa".
  • La pena per violazione della legge sugli insulti in Internet è una multa fino a 100.000 rubli ($ 1.570) o una pena detentiva fino a 15 giorni.
  • Il Sovereign Internet Bill del 2019 ha formalizzato il piano della Russia di creare un Internet domestico. Questo è stato descritto come una misura di sicurezza necessaria nel caso in cui paesi come gli Stati Uniti li interrompessero da Internet.
  • Molti sospettano che il disegno di legge sovrano su Internet sia stato approvato per aumentare la capacità del governo di sopprimere il dissenso.
  • Il governo russo intende indirizzare tutto il traffico Internet a livello nazionale nei prossimi anni. Se tutto procede come previsto, gli utenti saranno maggiormente a rischio di monitoraggio, sorveglianza e censura a causa dell'utilizzo da parte del governo di Deep Packet Inspection (DPI). DPI è attualmente utilizzato dalla Cina come strumento di blocco efficace e per eseguire la censura di massa.
  • La Russia blocca un gran numero di siti tra cui l'app di messaggistica Telegram. Telegram è bloccato in Russia perché la società ha rifiutato di consegnare le chiavi di crittografia alle autorità. Molti utenti in tutta la Russia hanno continuato ad accedere a Telegram attraverso l'uso di una VPN.
  • Siti di opposizione politica, contenuti LGBTQ e siti che coprono il conflitto della Russia con l'Ucraina sono altri esempi di siti bloccati in Russia.

Torna alla tabella più riservata

8Turkey

Una donna urla in un megafono come parte di un comunicato stampa durante una protesta contro l'introduzione del filtro contenuti da parte di Tukey

Istambul, Turchia. 15 maggio 2011. Comunicato stampa durante le proteste contro la decisione del governo di introdurre un filtro per i contenuti. Credito: Evren Kalinbacak

Le VPN sono legali in Turchia, ma il loro uso è limitato.

Il governo turco ha limitato l'uso della VPN dal 2016, giustificando la repressione necessaria per proteggere la sicurezza nazionale e "combattere il terrorismo". Tor è stato bloccato anche in Turchia nel 2016 insieme a 10 provider VPN.

Come hanno osservato i cani da guardia in Turchia, spesso sono le persone critiche nei confronti del governo che finiscono per essere penalizzate e censurate dalle autorità.

Se hai bisogno di una VPN prima di visitare il paese, puoi leggere la nostra guida alla migliore VPN per la Turchia.

Leggi correlate & pratiche:

  • Nel novembre 2011, la BTK (Information and Communications Technology Authority) turca ha introdotto un nuovo sistema di filtraggio di Internet, il progetto "Uso sicuro di Internet". Ciò offre agli abbonati Internet una scelta di profili con cui accedere a Internet.
  • Inizialmente, questi profili erano "famiglia", "standard", "bambini" o "domestici". Tuttavia, in seguito alle proteste di massa dopo l'annuncio iniziale dei piani, questi piani sono stati cambiati in profili facoltativi "famiglia" e "figlio". Se scelti, questi applicano automaticamente una whitelist determinata BTK, bloccando i contenuti che il governo non approva.
  • Gli emendamenti 2014 alla legge sui servizi di intelligence di Stato e all'Organizzazione di intelligence nazionale conferiscono all'Agenzia di intelligence nazionale turca il diritto di accedere a tutti i dati di comunicazione personali e commerciali senza un ordine del tribunale.
  • La legge sui servizi di intelligence garantisce inoltre agli agenti turchi l'immunità dall'azione penale se commettono comportamenti illeciti nel corso del loro lavoro.
  • È inoltre vietato riferire sulle azioni dell'Organizzazione di intelligence nazionale turca e i giornalisti possono andare in prigione per un massimo di nove anni se pubblicano materiale trapelato da fonti di intelligence.
  • La legge del 2016 sulla regolamentazione dei contenuti pubblicata su Internet (a.k.a The Internet Act) vieta la diffamazione del fondatore della Repubblica di Turchia, Mustafa Kemal Ataturk.
  • L'Internet Act ha anche portato al blocco di Wikipedia nel 2017 per impedire agli utenti di accedere alle pagine citando il coinvolgimento della Turchia nel conflitto siriano.
  • Siti e contenuti possono essere bloccati in Turchia ai sensi dell'Internet Act se sono considerati una "minaccia alla sicurezza nazionale". Questo può essere interpretato a piacimento dal governo ed è stato utilizzato per censurare siti di notizie indipendenti.
  • L'Internet Act richiede inoltre ai provider di hosting e accesso in Turchia di mantenere tutto il traffico dati fino a un anno.
  • La legge antiterrorismo del 2018 criminalizza "legittimare, glorificare o incitare metodi o minacce violenti" in Turchia per la "propaganda di un'organizzazione terroristica". Questa legge approva anche poteri permanenti sullo stato di emergenza come la detenzione di sospetti senza accusa.

    L'ampia formulazione della legge antiterrorismo è stata utilizzata in Turchia per punire giornalisti e accademici per aver insultato il governo. Coloro che sono stati giudicati colpevoli di aver criticato le autorità possono affrontare fino a cinque anni di carcere.

  • Gli emendamenti al regolamento Internet del 2019 hanno reso necessario che tutti i fornitori di contenuti online in Turchia, da Netflix a siti di notizie indipendenti, ottengano una licenza dal Consiglio supremo radiotelevisivo della Turchia (RTÜK).
  • I fornitori di contenuti che non ottengono una licenza dalla faccia RTÜK vengono bloccati. I fornitori con una licenza saranno monitorati e bloccati se pubblicano qualcosa che il governo non approva.
  • Anche i siti di social media come Facebook, Twitter e YouTube hanno dovuto affrontare blocchi in Turchia. Facebook e Twitter ricevono spesso richieste di rimozione dei contenuti.
  • I rapporti di Twitter mostrano che è stato emesso più richieste di rimozione dalla Turchia rispetto a qualsiasi altro paese al mondo.
  • La Turchia blocca regolarmente i siti e i contenuti LGBTQ per motivi di oscenità.

Torna alla tabella più riservata

9Turkmenistan

Le VPN sono illegali in Turkmenistan.

Il Turkmenistan ha vietato le VPN nel 2015 per censurare i media stranieri. Qualsiasi utilizzo di proxy o VPN viene rilevato e bloccato dall'unico ISP del Turkmenistan, Turkmenet.

Internet del Turkmenistan ha un prezzo deliberato per scoraggiare le persone dall'utilizzarlo, con un abbonamento mensile che costa $ 213 per 8Kbpsd, più dello stipendio mensile medio del paese.

L'uso di una VPN in Turkmenistan può comportare una multa non specificata e una citazione intimidatoria da parte del Ministero della sicurezza nazionale per avere una "conversazione preventiva" .

Leggi correlate & pratiche:

Notizie indipendenti e siti di social media come Facebook, Twitter e YouTube sono bloccati in Turkmenistan.

  • Le app di messaggistica WeChat, Viber e WhatsApp sono bloccate da novembre 2013.
  • Tutte le attività su Internet e la corrispondenza in Turkmenistan sono monitorate dalle autorità.

Torna alla tabella più riservata

10UAE

Solo le VPN approvate dal governo sono legali negli Emirati Arabi Uniti.

Gli Emirati Arabi Uniti hanno autorizzato VPN approvate dal governo solo dal 2012, durante la primavera araba. Questo per scoraggiare l'uso di servizi VoIP come Skype, WhatsApp e Facebook.

Il blocco dei servizi VoIP negli Emirati Arabi Uniti è stato per motivi sia economici sia politici. Ha lo scopo di incoraggiare i residenti locali a pagare la (piuttosto costosa) quota di abbonamento per i servizi di telecomunicazioni locali, Etislat e Du.

Tuttavia, le entità aziendali negli Emirati Arabi Uniti sono in grado di utilizzare le VPN senza restrizioni.

Se viene utilizzata una VPN per commettere un crimine negli Emirati Arabi Uniti, l'utente potrebbe dover affrontare una pena detentiva o una multa compresa tra 150.000 AED (circa $ 41.000) e 500.000 AED (circa $ 136.000).

Per chi ha bisogno di una VPN prima di recarsi negli Emirati Arabi Uniti, abbiamo messo insieme la nostra guida alla migliore VPN per gli Emirati Arabi Uniti.

Leggi correlate & pratiche:

  • Gli emendamenti del 2017 alla legge sulla criminalità informatica del 2012 vietano il linguaggio che offende la religione, lo stato, i suoi sovrani e simboli, nonché il gioco d'azzardo online o la pornografia. La legge criminalizza anche l'uso di Internet negli Emirati Arabi Uniti per chiedere proteste.
  • L'emendamento del 2017 alla legge sulla criminalità informatica ha criminalizzato l'espressione di "simpatia per il Qatar" con un periodo di detenzione fino a 15 anni per coloro che lo fanno.
  • Gli ISP negli Emirati Arabi Uniti devono bloccare e censurare i contenuti considerati pornografici o una minaccia al potere dello stato, nonché i contenuti relativi al gioco d'azzardo o al terrorismo.

Pubblicare opinioni sociali, politiche o religiose online negli Emirati Arabi Uniti è sufficiente per mandare gli utenti in prigione.

  • Anche i servizi VoIP come Skype e WhatsApp sono vietati negli Emirati Arabi Uniti.

Torna alla tabella più riservata

Paesi con restrizioni sui diritti digitali

I seguenti Paesi hanno leggi sulla sorveglianza e la censura online che vale la pena prendere in considerazione se sei preoccupato per la tua privacy e sicurezza online.

17 paesi con notevoli restrizioni sui diritti digitali

Nazione
Stato VPN
Blocchi di social media
Censura
Sorveglianza
Cambogia legale Moderare esteso esteso
Cuba legale Minore esteso esteso
Egitto legale Moderare Moderare Moderare
l'Eritrea legale Moderare Moderare Moderare
Etiopia legale Moderare esteso Moderare
Indonesia legale Moderare esteso esteso
Kazakistan legale Moderare esteso Moderare
Malaysia legale Moderare esteso esteso
Myanmar legale Minore esteso Moderare
Arabia Saudita legale Moderare esteso esteso
Sudan legale Moderare esteso Moderare
Siria legale Minore esteso esteso
Tailandia legale Moderare esteso esteso
Uganda legale esteso esteso Moderare
Uzbekistan legale Moderare esteso esteso
Venezuela legale Moderare Moderare Moderare
Vietnam legale Moderare Moderare Moderare

Una tabella che riassume la legalità della VPN e le violazioni dei diritti digitali in altri 17 paesi importanti

Chiave: I paesi in queste tabelle sono etichettati di conseguenza per ogni categoria, con "esteso" che è il più forte, seguito da "moderato" e "minore".

Ad esempio, un paese etichettato come "esteso" nella colonna della censura ha un gran numero di leggi e pratiche correlate in atto, mentre un paese etichettato "moderato" ne avrà solo alcuni. Un Paese etichettato "minore" avrà un numero basso, ma comunque sufficiente per influire negativamente sui diritti degli utenti.

1Cambodia

Le VPN sono legali in Cambogia.

Leggi correlate & pratiche:

  • La legge sulle telecomunicazioni del 2015 criminalizza la pianificazione di un'attività criminale o il danneggiamento di proprietà, punendo coloro che fanno con multe fino a 40 milioni di KHR (8.800 USD) e fino a sei mesi di carcere.
  • Questa legge punisce anche l'uso, l'installazione o la costruzione di apparecchiature per le telecomunicazioni che portano all'insicurezza nazionale.
  • La legge non offre chiarimenti su ciò che conta come "sicurezza nazionale" e di conseguenza può essere utilizzata in modo improprio per penalizzare critici, giornalisti o attivisti del governo.
  • Il proclama 2018 del controllo di siti Web e social media ordina a tutti gli ISP in Cambogia di installare la tecnologia di sorveglianza.

Questa tecnologia di sorveglianza consente alle autorità di bloccare facilmente gli account sui social media o le pagine considerate discriminatorie o una minaccia alla sicurezza nazionale.

  • La legge sulle notizie false del 2018 criminalizza la pubblicazione di informazioni errate online e punisce i trasgressori con un massimo di due anni di reclusione e una multa di 1.000 USD. Questa legge richiede anche che i siti web si registrino con il ministero delle informazioni della Cambogia.
  • Gli emendamenti al codice penale del 2018 hanno introdotto punizioni per aver insultato il re ai sensi della legge di lesa maestà. Qualsiasi persona o mezzo di comunicazione colpevole di produrre o condividere contenuti che "incidono sulla dignità del (re)" può essere punito con un massimo di cinque anni di carcere e una multa fino a 10 milioni di riels ($ 2,500).

Torna alla tabella di altri paesi importanti

2Cuba

Turisti e cubani locali in attesa in fila all'ingresso della porta dell'ufficio della compagnia di telecomunicazioni ETECSA controllata dal governo cubano.

Trinidad, Cuba. 10 febbraio 2019. Turisti e cubani locali in attesa in fila all'ingresso della porta dell'ufficio della società di telecomunicazioni ETECSA controllata dal governo cubano. Credito: Autumn Sky Photography

Le VPN sono legali a Cuba.

Leggi correlate & pratiche:

  • La stessa costituzione di Cuba afferma che la libertà di parola è secondaria rispetto alla promozione degli ideali socialisti. È vietato esprimere opinioni contrarie alla "rivoluzione".
  • Il codice penale di Cuba può mettere le persone in prigione per un massimo di 20 anni per attività che minacciano l'ordine pubblico. Può anche essere usato per trattenere, rieducare o sorvegliare coloro che vanno contro le norme socialiste.
  • Il decreto legge del 1996 209 vieta l'uso di Internet per violare i "principi morali della società cubana o le leggi del paese". Le leggi proibiscono anche le e-mail che "mettono a repentaglio la sicurezza nazionale"
  • La legge del 1999 per proteggere l'indipendenza nazionale di Cuba e la legge sull'economia vietano la distribuzione di contenuti o materiale che va contro il governo o mostra il sostegno dell'embargo degli Stati Uniti per affari, con una pena detentiva da tre a otto anni per coloro che lo fanno.
  • Nel 2007, Cuba ha introdotto la risoluzione 127. Ciò vieta la diffusione di informazioni che minacciano la sicurezza nazionale, le norme sociali o l'integrità delle persone. Garantisce inoltre a Internet e ai fornitori di dati il ​​diritto di monitorare Internet e denunciare eventuali comportamenti criminali alle autorità.
  • La risoluzione 179, è stata introdotta nel 2008. Ciò consolida il ruolo degli ISP che censurano Internet, affermando che devono "adottare le misure necessarie per impedire l'accesso ai siti il ​​cui contenuto è contrario all'interesse sociale, alla moralità e al buon comportamento; nonché l'uso di applicazioni che incidono sull'integrità o sulla sicurezza dello stato ".

    Cuba ha concesso l'accesso a Internet ai propri cittadini solo nel 2017 e ha lanciato piani di dati mobili nel 2018. Oltre a questi servizi costosi, l'unico fornitore di servizi di Cuba, l'ETECSA di proprietà statale, esercita significativi controlli di censura. Su richiesta del Partito Comunista di Cuba, l'ETECSA è legalmente obbligata a bloccare e limitare l'accesso ai contenuti critici del governo.

  • Il monitoraggio e la sorveglianza a Cuba sono pervasivi, con l'ETECSA fatto per interrompere l'accesso a un utente di Internet se partecipano a qualsiasi attività che viola le norme sociali promosse dal governo.
  • Durante il referendum tenutosi all'inizio di quest'anno, siti Web di notizie critiche sia all'interno che all'esterno del paese sono stati bloccati a Cuba. Ciò ha ridotto la capacità dei cittadini di accedere a informazioni imparziali e ha aiutato il Partito Comunista di Cuba a far rispettare la sua propaganda del "sì".

Torna alla tabella di altri paesi importanti

3Egypt

Le VPN sono legali in Egitto.

È sorprendente che le VPN siano legali in Egitto, data l'estensione del monitoraggio, della sorveglianza e della censura di Internet nel paese.

Leggi correlate & pratiche:

  • Gli emendamenti alla Costituzione del 2013 affermano che la censura è illegale "in qualsiasi modo".
  • Tuttavia, ci sono eccezioni significative a questa regola. Queste eccezioni includono "periodi di guerra o mobilitazione generale" o quando il contenuto è "destinato" a incitare alla violenza o è discriminatorio. L'ampia formulazione di queste eccezioni può essere manipolata per punire i critici del governo, limitando la libertà di parola.
  • La legge antiterrorismo del 2015 amplia la definizione di "terrorismo" in Egitto per includere l'ordine pubblico minaccioso. Consente inoltre alle autorità di monitorare Internet e i social media per contenuti terroristici.

La legge antiterrorismo punisce i gruppi che sostengono l'ostruzione delle leggi con l'ergastolo o la pena di morte. Ciò ha un impatto diretto sul lavoro dei gruppi per i diritti umani e degli attivisti nel paese. La legge punisce anche la creazione di siti Web visti per promuovere o sostenere il terrorismo con una pena detentiva minima di cinque anni.

  • Non solo, la legge ha introdotto la pena di morte per coloro che intendono istituire o guidare un gruppo terroristico. Protegge anche ufficiali o membri militari che usano la forza sui civili.
  • Gli emendamenti alla legge sui media e sulla stampa del 2018 hanno criminalizzato la condivisione di pubblicazioni sia all'interno che all'esterno dell'Egitto quando contengono materiale visto come promozione della violenza, del razzismo, dell'odio o dell'intolleranza o che disturba la pace pubblica.
  • In base a questa legge, gli account di social media con almeno 5.000 follower possono essere sospesi per la diffusione di notizie false o la promozione della violenza. Anche i proprietari di questi conti possono andare in prigione.
  • La legge sui crimini informatici del 2018 consente alle autorità di bloccare legalmente i siti visti come una minaccia alla "sicurezza nazionale" e gli egiziani che visitano i siti Web vietati possono essere mandati in prigione per un massimo di un anno. I creatori di siti vietati possono essere mandati in prigione per un massimo di due anni.
  • Cosa preoccupante, la legge egiziana sui reati informatici impone anche agli ISP di conservare i dati degli utenti e trasmetterli alle autorità quando richiesto.
  • Durante il referendum costituzionale in Egitto in aprile, le autorità hanno bloccato la pagina di una petizione di opposizione chiamata Batel ("nulla"). Ciò dimostra la portata delle autorità egiziane e il loro disprezzo per i diritti e le libertà digitali.

Torna alla tabella di altri paesi importanti

4Eritrea

Le VPN sono attualmente ancora legali in Eritrea.

Contrassegnato da CPJ come il paese più censurato del mondo a causa delle restrizioni sulla stampa e sul parlato, la regola autoritaria dell'Eritrea ha anche influenzato l'accesso e l'uso di Internet da parte dell'utente.

Leggi correlate & pratiche:

  • Solo l'1% della popolazione ha accesso a Internet in Eritrea. Coloro che desiderano accedere a Internet devono visitare gli internet café dove rischiano di essere monitorati. Inoltre, non è possibile accedere a Internet tramite telefoni cellulari nel paese.

CPJ cita un rapporto della Collaboration on International ICT Policy for East and Southern Africa, sottolineando che il regime autoritario in Eritrea è così "brutale o dominante" che quasi non è più necessario interrompere ulteriormente l'internet del paese.

  • Nonostante ciò, l'Eritrea ha preso alcune misure per limitare l'accesso alle prospettive che potrebbero dipingere il governo in cattiva luce. La legge sulla stampa del 1996 afferma che i media devono promuovere "obiettivi nazionali", mentre tutti i media indipendenti sono stati banditi nel 2001.
  • Il governo ha bloccato l'accesso ai social media il 15 maggio 2019. Ciò avrebbe dovuto impedire l'organizzazione di una protesta in vista del Giorno dell'Indipendenza del paese, il 26 maggio.

Torna alla tabella di altri paesi importanti

5Ethiopia

Le VPN sono legali in Etiopia.

Leggi correlate & pratiche:

  • Il proclama sui mass media e la libertà di informazione del 2008 conferma la libertà di espressione e di stampa. Tuttavia, questo indebolisce distribuendo dure multe per diffamazione.
  • Rende inoltre inutilmente complesse le procedure di registrazione e licenza per i media.
  • Organizzazioni come CPJ hanno precedentemente scritto al Primo Ministro dell'Etiopia, Abiy Ahmed, chiedendo di riconsiderare la legge sui mass media.
  • La proclamazione antiterrorismo del 2009 è stata prorogata dalla legge sulle infrazioni fraudolente del 2012 da applicare alle comunicazioni elettroniche.
  • Queste leggi criminalizzano qualsiasi comunicazione o dichiarazione fatta online per incoraggiare il terrorismo. La legge sui reati di frode sulle telecomunicazioni vieta anche i servizi VoIP come Skype e ha reso obbligatorio per gli utenti la registrazione dei propri dispositivi presso il governo.
  • Il proclama sul crimine informatico del 2016 criminalizza le azioni online come la condivisione di contenuti che "incitano alla paura, alla violenza, al caos o ai conflitti tra le persone".
  • La legge sulla criminalità informatica punisce la condivisione di "contenuti infiammatori" con un massimo di tre anni di carcere. Limita significativamente la libertà di parola in quanto può essere utilizzato per mettere a tacere i critici del governo.

Il proclama sulla criminalità informatica in Etiopia consente al governo di monitorare e intercettare le comunicazioni digitali. Ha inoltre reso necessario per gli ISP e altri fornitori di servizi di telecomunicazione conservare i dati degli utenti per almeno un anno.

  • La legge sull'incitamento all'odio e sulla disinformazione, elaborata nell'aprile 2019, criminalizza "discorsi d'odio" e "notizie false", con punizioni rispettivamente di cinque e tre anni.
  • L'ampia formulazione della legislazione ha riguardo alle ramificazioni per la libertà di parola, in quanto può essere utilizzata per punire coloro che criticano il governo e i media indipendenti.
  • In passato, l'Etiopia effettuava spesso chiusure di Internet e blocchi di social media. Tuttavia, da quando il Primo Ministro Abiy Ahmed è salito al potere, il Paese ha sperimentato più libertà di stampa e di Internet.
  • Nell'aprile 2018, CPJ non ha registrato per la prima volta nessun giornalista dietro le sbarre in 14 anni e oltre 260 siti Web sono stati sbloccati. Il precedente divieto dell'Etiopia ai media è stato revocato, il che significa che i giornalisti potrebbero tornare dall'esilio.
  • Mentre il primo ministro Abiy Ahmed ha portato all'Etiopia una maggiore libertà, rimangono le leggi repressive introdotte sotto i precedenti governi.

Torna alla tabella di altri paesi importanti

6Indonesia

Un manifestante regge un cartello che chiede la fine della discriminazione LGBT come parte della Marcia delle donne del 2019.

Yogyakarta, Indonesia. 8 marzo 2019. Una manifestante solleva un cartello che chiede la fine della discriminazione LGBT come parte della Marcia delle donne del 2019. Credito: Billy Hanggara

Le VPN sono legali in Indonesia.

Leggi correlate & pratiche:

  • La legge dell'intelligence statale del 2011 criminalizza consapevolmente o negligentemente la perdita di informazioni riservate riguardanti le attività di intelligence del paese. Le persone dichiarate colpevoli di questo possono andare in prigione per un massimo di 10 anni.

La legge sull'intelligence statale dell'Indonesia autorizza inoltre le autorità a "prevenire e / o combattere" qualsiasi attività o individuo dannoso per "interessi nazionali o sicurezza nazionale". Ciò è suscettibile di abuso da parte delle autorità poiché la sua ampia formulazione legalizza l'uso della violenza contro i condannati.

  • Gli emendamenti del 2016 alla legge sulle transazioni elettroniche consentono alle agenzie governative di bloccare i contenuti visti come "negativi" e / o una minaccia per l'ordine pubblico. La legge punisce il discorso d'odio, la diffamazione e l'incitamento alla violenza online con un massimo di quattro anni di carcere e una multa di 750 milioni di IDR ($ 54.000).
  • Come risultato di questa ampia formulazione della legge, può essere usato per penalizzare gli utenti per aver taggato qualcuno in un post di Facebook con cui il governo non è d'accordo.
  • Le modifiche del 2016 all'ETL indonesiana hanno anche aumentato le restrizioni sui contenuti senza offrire trasparenza o modalità di ricorso ai siti Web.
  • Emendamenti del 2018 all'eradicazione del 2003 degli atti penali di terrorismo. Questa legge conferisce alle autorità il diritto di intercettare le comunicazioni online e mobili inviate da o verso chiunque sia sospettato di essere coinvolto in un atto terroristico.

Organizzazioni come Human Rights Watch hanno identificato come l'ampia definizione di "terrorismo" nella legge sul terrorismo di Indonedia potrebbe essere utilizzata in modo improprio per sorvegliare ingiustamente critici governativi, sostenitori dell'ambiente o gruppi religiosi.

  • Nel 2017 è stata istituita in Indonesia un'agenzia nazionale di crittografia e crittografia che ha il compito di censurare Internet monitorando e filtrando i contenuti.
  • Il Ministero della Comunicazione e dell'Informazione (MCI) ha pubblicato "Cyber ​​Drone 9" nel gennaio 2018, un A.I. sistema progettato per filtrare e bloccare automaticamente i contenuti vietati.
  • Il blocco dipende dal software di ciascun ISP, il che significa che gli ISP possono aggiungere altri siti alle black list a piacimento. Ciò limita ulteriormente la libertà di informazione in Indonesia.
  • L'Indonesia blocca frequentemente contenuti LGBTQ, siti Web e qualsiasi contenuto ritenuto offensivo per l'Islam. Tumblr e altri siti di social media hanno affrontato blocchi di contenuti, con un account Instagram rimosso a febbraio 2019 per rappresentare le lotte dei musulmani gay.
  • Reddit, YouTube e Vimeo sono completamente bloccati in Indonesia e alcune VPN sono state anch'esse soggette a blocco.
  • Il 28 ottobre 2019, il Ministero della Comunicazione e dell'Informazione dell'Indonesia ha annunciato che ora limiteranno i social media durante "situazioni di emergenza che mettono in pericolo il pubblico", nonostante il Ministro Johnny G. Plate ammetta che ciò viola i diritti umani.

Torna alla tabella di altri paesi importanti

7Kazakhstan

Le VPN sono attualmente ancora legali in Kazakistan, nonostante le frequenti interruzioni di Internet.

Leggi correlate & pratiche:

  • Gli emendamenti del codice penale del 2014 hanno aumentato le sanzioni per diffamazione in Kazakistan. Hanno anche introdotto pene più severe per la diffusione di notizie false e l'insulto ai funzionari pubblici.
  • A seguito di questi emendamenti, quattro giornalisti sono stati interrogati dalle autorità del Kazakistan perché lavoravano per Forbes.kz, un sito visto dalle autorità diffondere disinformazione.

La legge ha inoltre ampliato la definizione di "incitamento alla discordia sociale", che è criminalizzata in Kazakistan e condanna qualsiasi appello a cambiare o rovesciare l'ordine costituzionale. Di conseguenza, gruppi per i diritti umani, attivisti e organizzazioni dei media indipendenti possono essere puniti per il loro comportamento online.

  • Il divieto di materiale del 2018 relativo alla scelta democratica del Kazakistan rende illegale la pubblicazione o la condivisione di contenuti, compresi i messaggi privati, relativi a The Democratic Choice of Kazakhstan (DVK), che è stato classificato come gruppo terroristico in Kazakistan nel 2018.
  • Il decreto del 2018 sul blocco di Internet legalizzava il blocco dei siti in Kazakistan, anche se le autorità lo facevano da anni. Il decreto consente alle autorità di bloccare i siti Web durante "situazioni di emergenza". Questa ampia terminologia può essere utilizzata per bloccare qualsiasi sito Web non in linea con l'opinione del governo.
  • Le autorità del Kazakistan effettuano spesso arresti di Internet e blocco dei siti durante i periodi di disordini politici.
  • Facebook, Instagram, Telegram, YouTube e siti di media indipendenti sono stati bloccati in Kazakistan durante le proteste di opposizione tenutesi a maggio 2019.
  • Nel giugno 2019, Kassym-Jomart Tokayev è diventato presidente. Durante queste elezioni, alcuni servizi VPN sono stati bloccati in Kazakistan. È quindi ragionevole sospettare un futuro blocco VPN in Kazakistan o un divieto completo.

Torna alla tabella di altri paesi importanti

8Malaysia

Le VPN sono legali in Malesia.

Leggi correlate & pratiche:

  • Il Computer Crimes Act del 1997 criminalizza l'hacking o "l'abuso" di computer in Malesia. Fornisce inoltre alle autorità il diritto di ottenere e cercare tra i dispositivi di chiunque sia sospettato di aver commesso uno di questi reati.
  • Il Communications and Multimedia Act del 1998 rende illegale diffondere o produrre contenuti online considerati offensivi, minacciosi, osceni, falsi, indecenti o una minaccia alla sicurezza nazionale in Malesia.
  • Il Communication and Multimedia Act della Malesia consente inoltre alle autorità di intercettare le comunicazioni se si ritiene che siano correlate a un crimine come l'uso improprio dei servizi (elencati sopra) o la frode.
  • La legge sui reati di sicurezza del 2012 (misure speciali) garantisce alle autorità malesi capacità di intercettazione di vasta portata per le comunicazioni online e mobili. Criminalizza comportamenti contrari allo stato o incita ad atti "terroristici".
  • Questa legge consente anche agli agenti di polizia di intercettare le comunicazioni se si ritiene che siano correlate ad attività criminali.
  • Gli emendamenti alla legge sulla sedizione del 2015 consentono alle autorità di bloccare tutti i contenuti elettronici ritenuti causa di ribellione contro lo stato. Il tempo massimo di detenzione per i colpevoli di sedizione in Malesia è ora passato da tre a sette anni.

Nel 2018, il predicatore Wan Ji Wan Hussin è stato condannato a una pena detentiva di 12 mesi per aver pubblicato su Facebook commenti apparentemente "sediziosi" sul Sultano di Selangor nel 2012.

  • Il Sedition Act della Malesia è problematico in quanto può essere utilizzato per penalizzare qualsiasi retorica antigovernativa e una valida critica del governo. Tuttavia, la sostituzione dell'atto è stata recentemente discussa dal governo e ciò potrebbe aumentare la libertà di parola in Malesia.

Torna alla tabella di altri paesi importanti

9Myanmar

Le VPN sono legali in Myanmar.

Sebbene le VPN siano legali in Myanmar, il paese ha una scarsa reputazione in materia di diritti digitali, il che incoraggia l'autocensura attraverso leggi troppo ampie e procedimenti penali.

Non ci sono anche leggi sulla protezione dei dati in Myanmar.

Leggi correlate & pratiche:

  • La legge sulle transazioni elettroniche del 2004 criminalizza i comportamenti online considerati una minaccia per la sicurezza nazionale, la pace pubblica, l'economia, la cultura o la solidarietà nazionale. La formulazione ampia delle leggi significa che può essere utilizzata per punire gli utenti solo per la condivisione di contenuti che il governo non approva.
  • La legge sulle telecomunicazioni del 2013 criminalizza la diffamazione e diffonde deliberatamente la disinformazione.

    Tra il 2013 e il dicembre 2017, oltre 100 casi sono stati portati alle autorità ai sensi della legge sulle telecomunicazioni.

  • La stragrande maggioranza degli accusati lavorava nel giornalismo o nell'attivismo. Un individuo è stato mandato in prigione per lo streaming live di un video di suo figlio in una commedia satirica che ha criticato i militari.
  • La legge sui media del 2014 punisce i giornalisti giudicati colpevoli di esagerare conflitti politici, razziali o religiosi in Myanmar.

Torna alla tabella di altri paesi importanti

10 Arabia Saudita

Le VPN sono legali in Arabia Saudita nonostante le dure leggi sulla censura del paese.

Leggi correlate & pratiche:

  • La Legge sul crimine cibernetico del 2007 vieta l'invio o la produzione di materiale che "danneggia l'ordine pubblico, i valori religiosi, la morale pubblica, [o] la santità della vita privata". Chi lo fa può essere multato fino a 3 milioni di SAR (US $ 800,00 ) o inviato in prigione per un massimo di cinque anni.
  • La legge antiterrorismo del 2017 vieta alle persone di utilizzare il loro "status sociale o influenza dei media per promuovere il terrorismo", con coloro che rischiano di ricevere una pena detentiva fino a 15 anni.
  • Questa legge criminalizza anche la descrizione del re o del principe ereditario in un modo che vergogna la religione o la giustizia. I colpevoli possono essere puniti con cinque o dieci anni di carcere.
  • Nel 2017, il governo ha esortato i cittadini dell'Arabia Saudita a denunciare altri per aver pubblicato contenuti che hanno minato lo stato. Gli è stato detto di farlo tramite l'app Kolonna Amn ("We are all security").
  • A seguito della legalizzazione dei servizi VOIP, le autorità dell'Arabia Saudita hanno annunciato nel 2017 che avrebbero iniziato a monitorare e censurare tutte le chiamate.

La sorveglianza è condotta su larga scala in Arabia Saudita, con il governo che afferma che è necessario proteggere la "sicurezza nazionale".

  • Quelli che hanno maggiori probabilità di sperimentare il monitoraggio in Arabia Saudita sono attivisti politici, sociali e religiosi.
  • Altri siti bloccati in Arabia Saudita includono quelli considerati "immorali" dal governo, che si rivolge in gran parte a materiale pornografico, siti di giochi d'azzardo e quelli che promuovono l'ideologia sciita o condividono contenuti LGBTQ.
  • Il famigerato caso del giornalista Jamal Kashoggi dimostra fino a che punto le autorità dell'Arabia Saudita sono disposte a mettere a tacere le voci dell'opposizione. Il suo omicidio serve a ricordare a tutti i cittadini dell'Arabia Saudita ciò che potrebbe accadere a coloro che si dichiarano contrari alle politiche del paese.

Torna alla tabella di altri paesi importanti

11Sudan

Protesta sudanese contro il Consiglio militare di transizione (TMC) al potere durante un blackout totale su Internet.

Khartoum, Sudan. 30 giugno 2019. Protesta sudanese contro il Consiglio militare di transizione (TMC) al potere durante un blackout totale su Internet. Credito: Mohamed Khidir / Xinhua / Alamy Live News

Le VPN sono legali in Sudan.

L'accesso a Internet in Sudan è limitato a causa dell'elevato prezzo dei dati e della scarsa economia del Paese.

Nel 2018 è stato riferito che l'accesso a Internet in Sudan è costato quasi la metà dello stipendio mensile medio degli utenti. Questi prezzi elevati rappresentano un ostacolo all'accesso a Internet per coloro che vivono in Sudan.

Leggi correlate & pratiche:

  • La Legge sulla lotta ai reati informatici del 2007 (I.T. Crime Act) vieta i siti Web che criticano il governo o pubblicano contenuti diffamatori o offensivi nei confronti della "morale pubblica".
  • Questa legge limita la libertà di parola in quanto consente al governo sudanese di censurare tutto ciò che va contro la linea del partito.
  • Il National Security Act del 2010 offre al National Intelligence and Security Service (NISS) la possibilità di arrestare e censurare i giornalisti che criticano il governo. Garantisce inoltre l'immunità NISS dall'azione penale, il che significa che può cavarsela con la violenza durante gli arresti.

Amnesty International ha precedentemente riferito in che modo il NISS ha usato torture, detenzioni e intimidazioni sui prigionieri.

  • La legge del 2018 sulla lotta ai crimini informatici criminalizza la diffusione di "notizie false" e critica gli stranieri, punendo coloro che lo fanno con un massimo di due anni di carcere.
  • Gli emendamenti al Press and Publications Act del 2018 (a.k.a la legge sui media) richiedono a tutti i giornalisti di registrarsi al Consiglio giornalistico. Estendono inoltre le leggi sulla stampa per influire sui media digitali. Ciò significa che i redattori capo sono responsabili di tutti i contenuti pubblicati sul loro sito.
  • Il Sudan ha subito una chiusura di Internet a luglio 2019 che ha ridotto significativamente la capacità di comunicazione degli utenti all'interno del Paese. La chiusura di Internet è stata provocata dal consiglio militare al potere del Sudan come metodo per reprimere le proteste democratiche.

Torna alla tabella di altri paesi importanti

12Syria

Le VPN sono legali in Siria.

Tuttavia, nel 2011 Deep Packet Inspection (DPI) è stato utilizzato dalle autorità siriane per bloccare i protocolli VPN OpenVPN, L2TP e IPsec.

Ciò ha reso le VPN dipendenti da questi protocolli non più efficaci per gli utenti nel Paese.

Leggi correlate & pratiche:

  • La legge sulla stampa del 2001 proibisce la pubblicazione o la condivisione di notizie false o notizie che minacciano l '"unità nazionale" o il sentimento nazionale della Siria. Questa ampia terminologia può essere utilizzata per punire giornalisti, attivisti politici o gruppi di opposizione per aver semplicemente pubblicato le loro opinioni online.
  • La legge sui media della Siria, approvata nel 2011, criminalizza la pubblicazione di contenuti che minacciano "l'unità nazionale e la sicurezza nazionale", incita "crimini d'odio" o riguarda le forze armate del paese. Può quindi essere usato per punire i giornalisti o coloro che parlano apertamente contro il regime.
  • Gli emendamenti del 2018 alla legge sulla lotta alla criminalità informatica del 2012, nota anche come legge nove, hanno istituito tribunali specializzati per i casi relativi all'abuso di comunicazione e tecnologia.

    L'emendamento del 2018 si basa sull'originale legge anticrimine, che può punire "chiunque inciti o promuova il crimine attraverso le reti di computer" con una pena detentiva fino a tre anni e una multa massima di $ 600.

  • Anche la minaccia alla stabilità pubblica o statale è stata criminalizzata dalla Legge sulla criminalità informatica.
  • Questa legge può essere utilizzata per punire chiunque critica il governo siriano online, dai giornalisti ai blogger, ed è stato condannato per violazione dei diritti e delle libertà digitali.
  • Le chiusure di Internet sono comuni in Siria e un gran numero di siti rimane bloccato, compresi quelli di partiti politici di opposizione, organizzazioni per i diritti umani.

Torna alla tabella di altri paesi importanti

13Thailand

Il re thailandese Maha Vajiralongkorn, la regina Suthida, i principi e il principe sono visti sul balcone del Grand Palace mentre salutano il pubblico.

Bangkok, Tailandia. 6 maggio 2019. Il re thailandese Maha Vajiralongkorn, la regina Suthida, i principi e il principe sono visti sul balcone del Grand Palace mentre salutano il pubblico.

Le VPN sono legali in Thailandia, ma sono state spesso bloccate dal governo.

La Thailandia non è amica della libertà di Internet, con la censura online effettuata in massa. A peggiorare le cose, le autorità non offrono trasparenza su quali siti Web sono bloccati o perché.

Piattaforme come Facebook e Google ricevono spesso richieste di rimozione dei contenuti da parte del governo tailandese. Anche attivisti per la democrazia, attivisti e membri del partito politico di opposizione affrontano costanti persecuzioni per aver condiviso le loro opinioni online.

Leggi correlate & pratiche:

  • Il 2007 & Le modifiche del Computer Related Crimes Act del 2017 (a.k.a Cybercrime Act) danno alle autorità il potere di bloccare e rimuovere i contenuti online e consentono ricerche senza garanzia dei dati degli utenti.
  • Questa legge limita anche la libertà di parola in Thailandia incoraggiando la censura di materiale che offende la "morale pubblica".
  • Il lèse-majesté della Thailandia è una sezione specifica del codice penale thailandese che criminalizza la diffamazione della monarchia. Lèse majesté è stata sempre più applicata in Tailandia dal successo del colpo di stato militare del 2014. Di conseguenza, molti sono stati mandati in prigione.
  • Una condanna a 18 anni di carcere è stata data a un uomo di 61 anni sotto lèse majesté per la pubblicazione di video su Facebook che le autorità hanno ritenuto offensivo alla monarchia.

  • L'8 ottobre 2019, il ministro dell'Economia digitale ha annunciato che negozi o caffè in Thailandia che offrono servizi WiFi devono tenere un registro del traffico Internet per 90 giorni. In questo modo i funzionari possono accedere alle informazioni di cui all'articolo 26 del Computer Crimes Act.

Torna alla tabella di altri paesi importanti

14Uganda

Le VPN sono legali in Uganda.

Mentre le VPN sono tecnicamente legali in Uganda, il governo ha chiesto agli ISP di bloccarle poiché vengono spesso utilizzate per aggirare la tassa sui social media del paese.

Gli ISP ugandesi devono anche bloccare i siti non registrati dall'UCC (Uganda Communications Commission.)

Leggi correlate & pratiche:

  • La legge antiterrorismo del 2002 proibisce la pubblicazione e la diffusione di contenuti visti a sostegno del "terrorismo".
  • L'ampia terminologia di questa legge lascia spazio a un uso improprio, in quanto il "terrorismo" può essere interpretato nel senso di tutto ciò che va contro il governo. Coloro che infrangono la legge sono punibili con la morte.
  • Il Regolamento sulle comunicazioni del 2010 consente alle autorità ugandesi di spiare le comunicazioni personali di civili e sospetti terroristi.
  • Il Computer Misuse Act del 2011 criminalizza la "comunicazione offensiva" e l'utilizzo di dispositivi elettronici per tentare di "disturbare la pace, la quiete o il diritto alla privacy di un'altra persona". Questo può essere usato per colpire le critiche del governo e imporre punizioni di una multa o tempo di prigione fino a un anno.

La tassa sui social media 2018 è entrata in vigore a luglio 2018 e ha introdotto una tassa di 200 scellini ugandesi al giorno (5 centesimi) per l'uso dei social media. Oltre 60 siti di social media sono interessati da questa imposta, inclusi Twitter e Facebook.

  • Il governo sostiene che il motivo della tassa sui social media è quello di raccogliere fondi per i servizi pubblici. Tuttavia, una lettera inviata dal presidente Museveni al ministero delle finanze nel marzo dello scorso anno ha sollecitato l'introduzione dell'imposta come mezzo per fermare i "pettegolezzi" online.
  • La censura in Uganda è solo in aumento, con le autorità che sfruttano ogni opportunità per penalizzare gli oppositori politici o i critici del governo.
  • Un esempio di crescente repressione in Uganda è il recente processo giudiziario contro il parlamentare dell'opposizione, Bobi Wine. Bobi Wine è stato portato in tribunale il 6 agosto 2019 con l'accusa di "fastidioso" presidente Museveni. Questo dimostra come si possano piegare le leggi per punire gli oppositori politici e i critici in Uganda.

Torna alla tabella di altri paesi importanti

15Uzbekistan

Le VPN sono legali in Uzbekistan.

Ciononostante, il paese ha ancora molta strada da fare per proteggere i diritti digitali.

Skype, WhatsApp e Viber hanno dovuto affrontare frequenti blocchi in Uzbekistan, sebbene l'accesso sia stato ripristinato a maggio 2018.

Leggi correlate & pratiche:

  • Il codice penale dell'Uzbekistan, modificato nel 2016, vieta la condivisione di contenuti che incitano all'odio o sono considerati una minaccia alla sicurezza nazionale. La vaga formulazione del codice penale indica che può essere utilizzato dalle autorità per reprimere la libertà di parola e compiere arresti arbitrari.
  • Le modifiche del codice penale del 2016 hanno esteso la reclusione da cinque a otto anni per i colpevoli di aver pubblicato contenuti che minacciano la sicurezza nazionale.
  • Il fornitore di servizi Internet e di telecomunicazioni statale dell'Uzbekistan, Uztelecom, ha il monopolio sul mercato. Questo rende facile per il governo implementare una chiusura di Internet o eseguire la censura.

Uztelecom e tutti gli altri ISP devono installare apparecchiature di sorveglianza sulle reti per ottenere una licenza. Ciò consente al governo di effettuare una sorveglianza di massa.

  • L'Uzbekistan ha introdotto un motore di ricerca gestito dallo stato che filtra e nasconde automaticamente i contenuti che le autorità non vorrebbero vedere.
  • Il governo ha bloccato i siti Web di organizzazioni per i diritti umani come Amnesty International e Human Rights Watch. Ciò significa che è possibile accedervi solo tramite strumenti come una VPN.

Torna alla tabella di altri paesi importanti

16Venezuela

I giovani in Venezuela manifestano contro la censura nei media e la persecuzione dei giornalisti.

Caracas, Venezuela. 9 giugno 2017. I giovani in Venezuela manifestano contro la censura nei media e la persecuzione dei giornalisti. Credito: agenzia di stampa EFE / Miguel Gutierrez / Alamy Live News

Le VPN sono attualmente legali in Venezuela.

Leggi correlate & pratiche:

  • Gli emendamenti del 2010 alla legge Resorte-ME (Legge sulla responsabilità dei media) criminalizzano l'invio di messaggi online che promuovono l'ansia, interrompono l'ordine pubblico, ignorano o promuovono la violazione delle leggi.
  • In base a questa legge, i siti Web possono essere pesantemente multati per non aver limitato o rimosso i contenuti vietati e coloro che pubblicano contenuti visti come una minaccia alla sicurezza nazionale possono essere inviati in prigione.
  • La Legge di Sicurezza Nazionale del Venezuela è vagamente formulata e vieta comportamenti che "comprendono la sicurezza e la difesa della nazione". Questa legge si applica sia ai contenuti online che ai messaggi, e coloro che sono stati giudicati colpevoli possono essere mandati in prigione.
  • La Legge del 2017 contro l'odio, per la tolleranza e la coesistenza pacifica vieta la promozione di "odio o intolleranza" da parte dei media e consente alle autorità di rimuovere le licenze dai trasgressori e bloccare i loro siti Web. Coloro che sono stati giudicati colpevoli di incitamento all'odio possono rischiare da 10 a 20 anni di prigione.
  • La vaga formulazione della legge anti-odio del Venezuela lascia aperta ad un uso improprio da parte delle autorità che possono utilizzarla per condannare il comportamento online di giornalisti, attivisti e critici del governo.

Nel gennaio 2018, le autorità hanno arrestato tre adolescenti ai sensi della legge anti-odio per aver chiesto proteste del governo tramite social network e messaggi.

  • Nel 2019, è stata redatta una legge sul cyberspazio che afferma che le autorità controllano il cyberspazio e istituisce un organo per gestire e controllare Internet del paese. La legge consentirebbe alle autorità di intraprendere "azioni preventive" per "contrastare l'odio", che potrebbe legalizzare l'uso della violenza da parte delle autorità. Richiede inoltre ai fornitori di servizi di censurare i contenuti che le autorità non approvano.
  • Numerosi attivisti in Venezuela hanno espresso preoccupazione per l'estensione della sorveglianza e il potenziale hacking da parte del governo.
  • Nel 2018, l'ISP venezuelano CANTV ha bloccato Tor nel paese, che è stato utilizzato da molti cittadini come modo per aggirare la censura. Ciò significa che le VPN sono un modo popolare per aggirare il blocco dei siti nel paese.

Torna alla tabella di altri paesi importanti

17Vietnam

La polizia sta sulla strada di fronte alla bandiera del Vietnam.

Ho Chi Minh, Vietnam. Novembre 2018. La polizia si trova sulla strada di fronte alla bandiera del Vietnam. Credito: StreetVJ

Le VPN sono legali in Vietnam.

Sebbene le VPN siano legali in Vietnam, le autorità del paese limitano di tanto in tanto l'accesso a Internet o alle reti telefoniche durante i disordini.

Anche i social media e i siti di networking come Facebook e LinkedIn sono stati periodicamente bloccati in Vietnam.

Leggi correlate & pratiche:

  • Il decreto del 2013 sulla gestione, la fornitura, l'uso dei servizi Internet e dei contenuti Internet online a.k.a La legge su Internet vieta la condivisione di notizie, opere letterarie e commenti politici o sociali online.

La legge su Internet è stata anche motivo di preoccupazione tra organizzazioni come Human Rights Group e Reporter senza frontiere. Entrambi i gruppi hanno identificato che la legge può essere utilizzata in modo selettivo per colpire individui che parlano apertamente contro il governo.

  • 2015 & Emendamenti del 2018 al codice penale del Vietnam vietano la sovversione e la propaganda antistata. Di conseguenza, il codice penale viene utilizzato dalle autorità del Vietnam per perseguire gli attivisti online e inviarli in prigione.
  • La legge sulla cibersicurezza del 2019 ha implicazioni di blocco per la libertà di parola in Vietnam in quanto vieta di criticare lo stato online.
  • La legge sulla cibersicurezza impone alle società Internet nazionali e straniere di archiviare i dati degli utenti all'interno del Vietnam e di consegnarli alle autorità, se necessario. I siti devono anche censurare i contenuti ritenuti "tossici" dal governo.

Torna alla tabella di altri paesi importanti

I paesi in questa guida sono tutti significativi per le loro restrizioni sull'uso della VPN e altre libertà digitali. Se il tuo Paese non è menzionato, le VPN sono legali da usare lì.

Se stai cercando maggiori informazioni sulle VPN e sui loro usi, puoi dare un'occhiata alle nostre altre risorse nel nostro hub delle guide.

Se stai cercando una VPN affidabile, puoi leggere i nostri consigli per il 2019 qui.

Brayan Jackson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me